FUTURE RESPECT

Ogni Impresa deve costruire fiducia per recuperare reputazione al sistema produttivo nel suo complesso, in questo momento di sentiment avverso. Dopo il progresso di fine millennio è aumentata la povertà, il divario tra ricchi e poveri, lo sfruttamento incontrollato della natura, l’inquinamento. Tutte le crisi della storia (politiche, economiche e sociali) hanno avuto in comune piani non sostenibili. La fede nello sviluppo lineare ha impedito strategie diverse. Tecnologie e globalizzazione, governate dalla finanza, hanno dato allo sviluppo una logica “quantistica”: un intreccio (entanglement) di correlazioni tra fenomeni apparentemente indipendenti, anche distanti, con effetti imprevedibili e indeterminabili.

Prevedere il futuro, anche a breve (come la storia ha dimostrato), è praticamente impossibile. Ci stiamo rendendo conto che il FUTURE RESPECT non può prescindere da governance sostenibili perché solo questa strada costruisce certezze, rigenera equilibri e crea resilienza alla logica “quantistica”. La strada è potenziare la relazione con i Cittadini (non solo Consumatori) e coniugare l’obiettivo del profitto con quello del bene comune. in particolare offrire competenze per migliorare la qualità della vita, far emergere i talenti nascosti nelle comunità locali e sostenere iniziative per la coesione sociale.

Servono esempi a cui ispirarsi; serve divulgare le migliori pratiche e le specifiche soluzioni validanti per contribuire al superamento di questa epoca connotata da crescente degrado ambientale, sociale e morale. L’Impresa solida, che garantisce qualità, ha futuro se dimostra generosità, altruismo e attenzione a chi e cosa gli consente di prosperare e se assolve inoltre un ruolo divulgativo incoraggiando e influenzando comportamenti giusti, anche emulativi, di tendenza positiva.

Questa la base della missione ConsumerLab: promuovere la cultura della Sostenibilità in posizione indipendente e terza, analizzare e semplificare i contenuti dei Bilanci di Sostenibilità, diffonderne una sintesi in maniera diretta presso i Consumatori, per favorire scelte consapevoli, avviando interazioni finalizzate al miglioramento continuo. Evidenziando le migliori pratiche, la parte positiva di un’Impresa, ConsumerLab ha una missione complementare a quella della Associazioni che tutelano i Consumatori dai disservizi, dalle ingiustizie, dalle prepotenze del mercato (le peggiori pratiche, la parte negativa di un’Impresa).