UN APPROCCIO GLOBALE ALLA FINANZA SOSTENIBILE

Il mondo si trova di fronte a una grave carenza di investimenti nel realizzare l’accordo di Parigi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.
L’OCSE stima che per i prossimi 15 anni saranno necessari $ 6,9 migliaia di miliardi di investimenti annuali in energia, trasporti, edifici e infrastrutture idriche per essere coerenti con il 2 ° scenario come stabilito nell’Accordo di Parigi.
Saranno necessari livelli di investimento ancora più elevati per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C come raccomandato dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite e per ottenere un’economia di gas a effetto serra nettamente zero che l’UE sta adottando nella sua strategia a lungo termine per 2050.
I fondi pubblici ovviamente non saranno sufficienti per soddisfare questi bisogni di investimento. Il settore finanziario ha quindi un ruolo fondamentale da svolgere per colmare questo divario di investimenti. Mobilitare gli investitori privati per finanziare progetti sostenibili su scala globale è quindi indispensabile per il raggiungimento di risultati tangibili nella lotta contro il cambiamento climatico, il degrado ambientale e le disuguaglianze sociali.
L’UE intende essere in prima linea nel coordinare gli sforzi internazionali per costruire un sistema finanziario coerente che supporti la crescita sostenibile globale.
L’Unione europea si è impegnata a guidare la strada nella riforma del sistema finanziario e ad assicurare che il settore finanziario possa svolgere il proprio ruolo nella transizione verso un’economia sostenibile.
A tal fine, la Commissione ha presentato un piano d’azione ambizioso sul finanziamento alla crescita sostenibile nel marzo 2018.
I mercati finanziari sono globali. È quindi giunto il momento di allineare queste varie iniziative per sviluppare mercati compatibili per le attività finanziarie verdi transfrontaliere.
Un approccio internazionale coordinato in materia di finanza sostenibile è una condizione preliminare per sbloccare il notevole potenziale della finanza sostenibile a livello mondiale. I paesi in via di sviluppo in particolare incontrano difficoltà nell’accedere a finanziamenti adeguati per le loro esigenze in materia di infrastrutture sostenibili ed efficienza energetica. La natura globale dei mercati finanziari potrebbe offrire una grande opportunità a tutti i paesi nel loro percorso di transizione collegando le esigenze locali alle fonti di finanziamento globali.
L’UE sta esaminando come integrare considerazioni di sostenibilità nel suo quadro di politica finanziaria al fine di mobilitare finanziamenti per una crescita sostenibile.
La finanza sostenibile è la fornitura di finanziamenti a investimenti che tengono conto di considerazioni ambientali, sociali e di governance.
La finanza sostenibile include una forte componente di finanza verde che mira a sostenere la crescita economica:

  • riducendo le pressioni sull’ambiente
  • affrontare le emissioni di gas serra e contrastare l’inquinamento
  • minimizzare gli sprechi e migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse naturali 

Comprende anche una crescente consapevolezza e trasparenza su

  • i rischi che possono avere un impatto sulla sostenibilità del sistema finanziario
  • la necessità per gli attori finanziari e aziendali di mitigare tali rischi attraverso una governance appropriata

L’Unione europea sostiene fortemente la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, più efficiente in termini di risorse e sostenibile ed è stata in prima linea negli sforzi per costruire un sistema finanziario che supporti la crescita sostenibile.
Nel 2015 sono stati stabiliti importanti accordi internazionali con l’adozione dell’Agenda 2030 ONU e deglio Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e dell’Accordo sul clime di Parigi. L’accordo di Parigi, in particolare, include l’impegno di allineare i flussi finanziari con un percorso verso uno sviluppo a basse emissioni di carbonio e resiliente ai cambiamenti climatici.
Per raggiungere gli obiettivi UE 2030 concordati a Parigi, tra cui un taglio del 40% delle emissioni di gas serra, dobbiamo colmare un divario di investimento stimato in 180 miliardi di euro all’anno.
L’UE sta già fornendo impulsi per attirare gli investimenti necessari con Fondo europeo per gli investimenti strategici e altre iniziative. Tuttavia, l’entità della sfida di investimento va oltre la capacità del solo settore pubblico.
Il settore finanziario ha un ruolo chiave da svolgere nel raggiungimento di tali obiettivi. Può:

  • riorientare gli investimenti verso tecnologie e imprese più sostenibili
  • finanziare la crescita in modo sostenibile a lungo termine
  • contribuire alla creazione di un’economia a basse emissioni di carbonio, resiliente e circolare

Il 21 marzo 2019 la Commissione europea ha organizzato la sua seconda conferenza ad alto livello sulla finanza sostenibile. L’evento è stato impostato per incoraggiare un approccio globale alla finanza sostenibile e offrire l’opportunità di discutere modi per incanalare il capitale privato verso progetti sostenibili in modo coerente.
La Commissione ha istituito un gruppo di esperti tecnici in materia di finanza sostenibile (TEG) per assisterlo in particolare nello sviluppo di un sistema di classificazione unificato per attività economiche sostenibili, uno standard UE per le obbligazioni verdi, metodologie per indici a basso tenore di carbonio e metriche per il clima rivelazione.
Il TEG ha iniziato a funzionare nel luglio 2018 e il suo mandato è stato ufficialmente prorogato fino alla fine del 2019. I suoi 35 membri provenienti dalla società civile, dal mondo accademico, dagli affari e dal settore finanziario, nonché altri membri e osservatori provenienti da organismi pubblici europei e internazionali, lavorano sia attraverso plenarie formali che riunioni di sottogruppi per ciascun flusso di lavoro. Per garantire la trasparenza, la Commissione organizzerà attività di sensibilizzazione nel 2018 e nel 2019.
Nel maggio 2018, la Commissione ha adottato un pacchetto di misure per l’attuazione di diverse azioni chiave annunciate nel suo piano d’azione sulla finanza sostenibile.

Il pacchetto include:

Inoltre, dal 24 maggio al 21 giugno, la Commissione ha cercato di esprimere un parere sugli emendamenti agli atti delegati ai sensi della direttiva sugli strumenti finanziari (MiFID II)e sulla direttiva sulla distribuzione delle assicurazioniper includere considerazioni ESG nel parere che le imprese di investimento e i distributori assicurativi offrire ai singoli clienti.
La Commissione intende chiarire in che modo i gestori patrimoniali, le compagnie assicurative e i consulenti finanziari o assicurativi dovrebbero integrare i rischi di sostenibilità e, ove opportuno, altri fattori di sostenibilità nelle aree dei requisiti organizzativi, delle condizioni operative, della gestione dei rischi e della valutazione del mercato obiettivo.
Il 28 settembre 2018 la Commissione ha chiesto all’EIOPA un parere sulla sostenibilità nell’ambito di Solvibilità II, in particolare per quanto riguarda quegli aspetti che riguardano la mitigazione dei cambiamenti climatici.
Il 1 ° febbraio 2019 la Commissione ha chiesto consulenza all’AESFEM, all’ABE e all’EIOPA in merito a indebite pressioni a breve termine da parte del settore finanziario sulle società. La presente Richiesta di consulenza fa parte dell’azione 10 del piano d’azione sul finanziamento della crescita sostenibile che mira a promuovere un governo societario sostenibile e ad attenuare il breve termine nei mercati dei capitali.
Il 18 aprile 2019, il Parlamento europeo ha approvato la legislazione che definisce gli elementi costitutivi di un’unione dei mercati dei capitali, compresa la regolamentazione sulle comunicazioni relative agli investimenti sostenibili e ai rischi di sostenibilità.
Le raccomandazioni del gruppo di esperti ad alto livello sulla finanza sostenibile    costituiscono la base del piano d’azione in materia di finanza sostenibile adottato dalla Commissione nel marzo 2018.
Il piano d’azione definisce una strategia globale per collegare ulteriormente la finanza con la sostenibilità. Le sue azioni chiave includono:

  • istituire un sistema di classificazione UE chiaro o dettagliato – o tassonomia – per attività sostenibili. Ciò creerà un linguaggio comune per tutti gli attori del sistema finanziario
  • stabilire etichette UE per prodotti finanziari verdi. Ciò aiuterà gli investitori a identificare facilmente i prodotti che soddisfano i criteri verdi oa basse emissioni di carbonio
  • introdurre misure per chiarire i doveri degli investitori di gestione patrimoniale e degli investitori istituzionali in materia di sostenibilità
  • rafforzare la trasparenza delle aziende sulle loro politiche ambientali, sociali e di governance (ESG). La Commissione valuterà gli attuali obblighi di segnalazione per gli emittenti per assicurarsi che forniscano le giuste informazioni agli investitori
  • introdurre un “fattore di sostegno ecologico” nelle norme prudenziali dell’UE per le banche e le compagnie di assicurazione. Ciò significa incorporare i rischi climatici nelle politiche di gestione del rischio delle banche e sostenere le istituzioni finanziarie che contribuiscono a finanziare progetti sostenibili.